Resta in aggiornamento, ricevi le news.

Ti scriveremo non più di 1 volta al mese per informarti sulle novità e le informazioni più utili e interessanti per te.

Resta in aggiornamento, ricevi le news.

Ti scriveremo non più di 1 volta al mese per informarti sulle novità e le informazioni più utili e interessanti per te.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Cibi buoni e cibi cattivi...

Fa bene o fa male? Fa dimagrire o fa ingrassare? Sappi che questo non è il modo di ragionare...
Di Anna Bezzeccheri | 03 Settembre 2018

Cibi buoni e cibi cattivi...

Quando si parla di dieta spesso si pensa a “cibi che fanno male” e “cibi che fanno bene”. Ci si chiede “Questo fa male?” oppure “Fa ingrassare?” o ancora si inizia ad aumentare a dismisura l’utilizzo di un cibo pensando che “faccia bene”.

Ma questo modello di pensiero dicotomico può portare a una visione aut aut dell’alimentazione. “Se mangio cibi buoni allora sto a dieta, se mangio cibi cattivi tanto vale mandare all’aria, la dieta la riprenderò domani quando potrò fare solo scelte perfette.”

Supera questo modello di pensiero non funzionale e inizia a vedere il cibo come se fosse posto su uno spettro che va dalla scelta peggiore (toglie salute) alla scelta migliore (aggiunge salute).

Non serve che tu faccia sempre la scelta migliore in termini assoluti, ma la migliore possibile nella situazione in cui ti trovi a seconda delle alternative disponibili.

Ricorda: cerca il miglioramento, non la perfezione!

Seguendo un approccio a livelli/passi progressivi, puoi arrivare alla tua dieta realmente personalizzata senza le restrizioni che il fare “tutto e subito” portano.

Esempio: puoi scegliere del pane integrale invece del pane bianco (1° step) oppure puoi scegliere dei legumi al posto del pane (2° step); questi ultimi puoi sceglierli dapprima precotti, poi secchi da cucinare tu (3° step).

Puoi scegliere del prosciutto al posto del salame (1° step) oppure puoi scegliere dell’arrosto al posto dell’affettato (2° step). E così via con tutti gli alimenti. Non serve passare direttamente dal 1° all’ultimo step senza una certa progressione.

Per aiutarti, puoi utilizzare questo grafico e capire che per passare da sinistra a destra, puoi dividere i segmenti in tanti passi intermedi; passare dal 1° all’ultimo step tutto e subito potrebbe catapultarti in una dieta che sosterrai per un paio di settimane o poco più, per poi abbandonare perdendo i risultati.

Step da cibi cattivi a cibi buoni

Sblocca il potenziale Fitness.
Inizia GRATIS.

Scopri il metodo pratico e concreto per apprendere le abitudini di Fitness e Benessere, sbloccare il potenziale Fitness e goderti il risultato.

Senza dieta da rincorrere, allenamento da organizzare, integratori da ricordare e strane posizioni yoga da emulare. Per vivere il FItness, non subirlo.

Inizia Gratis qui


Sei un "PRO" nel settore Fitness & Wellness? Se, come noi, vuoi ispirare le persone a migliorare le loro abitudini, unisciti a noi! Scopri come qui

Resta in aggiornamento, ricevi le news.

Ti scriveremo non più di 1 volta al mese per informarti sulle novità e le informazioni più utili e interessanti per te.

Resta in aggiornamento, ricevi le news.

Ti scriveremo non più di 1 volta al mese per informarti sulle novità e le informazioni più utili e interessanti per te.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.