Un distillato di sapere, a un solo clic di distanza.

~1-2 volte al mese, distilleremo per te e ti invieremo preziosi consigli per il tuo progresso di Fitness.

Un distillato di sapere, a un solo clic di distanza.

~1-2 volte al mese, distilleremo per te e ti invieremo preziosi consigli per il tuo progresso di Fitness.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Bagordi? Stravizi? Aperitivi? Ripulisci il fegato: come farlo in 2 giorni

Come ripulire il fegato in 2 giorni, dopo
Di Team Oukside | 19 Agosto 2019

Bagordi? Stravizi? Aperitivi? Ripulisci il fegato: come farlo in 2 giorni

Avete fatto bagordi, vi siete lasciati andare, avete mangiato, avete bevuto, senza pensarci troppo su… E adesso, di nuovo “a regime”, vi sentite gonfi, scarichi e fuori forma. Come tornare velocemente in carreggiata?

A risentirne in queste situazioni è soprattutto il fegato. Non solo lui, ovviamente: non è mai possibile puntare il dito contro un solo organo, fattore, ormone, etc. Ma pensare ad una “pulizia del fegato” dopo periodi di aperitivi e drink di troppo, può farvi tornare a risentirvi in forma in men che non si dica.

In altri momenti abbiamo parlato di come perdere peso velocemente dopo vacanze, occasioni e feste, qui ci concentriamo in particolare sulla “pulizia del fegato”.

Perché il fegato?

Ma perché proprio il fegato? Perché esso è l’organo che possiamo definire il “filtro metabolico” dell’organismo intero. Se qualcosa non va nel fegato, i processi di detossificazione dell’organismo sono ridotti, e per questo ci sentiamo stanchi, senza forze, gonfi e ritenti d’acqua. Non solo! Il fegato è una vera e propria “centralina metabolica”, essendo sede di importanti conversioni ormonali.

Il fegato, inoltre, produce la bile. Nella bile vengono immesse le sostanze da scartare (bilirubina, farmaci, ormoni) e le tossine, così da essere escrete tramite l’intestino (nelle feci). La bile inoltre serve per emulsionare i grassi e fare in modo che vengano assorbiti. 

Se il fegato è affaticato, la bile può diventare densa, viscosa e poco efficiente. La sua espulsione diventa più difficile e, quindi, tende a ristagnare. Si possono verificare problemi di malassorbimento, perché i prodotti di scarto non vengono eliminati e continuano a circolare, i grassi non vengono assimilati nel modo giusto, e in generale l’intestino non lavora bene e ci si sente gonfi e con brain fog.

Se l'intestino non lavora nel modo giusto a causa di una bile poco efficiente, ci si sente gonfi e "annebbiati" (brain fog). 

Ecco perché partire dal fegato è fondamentale per avviare i processi di “detossificazione” utili per farci sentire di nuovo in forma dopo periodi di stravizi. Vediamo dunque come fare a pulire il fegato e aiutare i processi di detossificazione in soli due giorni.

Pulizia del fegato in 2 giorni

I 2 giorni proposti sono strutturati in questo modo:

  • La prima fase (primo giorno e mezzo) in cui si assumono elevate quantità di micronutrienti tramite verdure e agrumi, e pochi grassi e proteine;
  • La seconda fase (metà del secondo giorno) in cui si coadiuva la pulizia del fegato prima di riprendere la normale alimentazione.

(Dopo i 2 giorni, sarebbe in realtà utile riprendere a mangiare non dalla mattina ma almeno dal pranzo del giorno successivo.)

Prima fase (primo giorno e mezzo)

Cosa mangiare

Sarebbe utile fare 2 o 3 pasti in cui inserire, per ognuno, una o due porzioni da almeno 3 di questi gruppi alimentari:

  • Crauti, cavolfiori, cavolini di bruxelles, broccoli, broccoletti, carciofi, asparagi, barbabietole, cetriolo, dente di leone (infuso), curcuma, mela selvatica;
  • Spinaci, cavoli, cardo, coriandolo, bietole, scarola, tarassaco, brassica, rughetta, radicchio, indivia belga;
  • Arance, limoni, succo di limone, lime;
  • Aglio, cipolla, uova;
  • Proteine come manzo magro, pollo senza pelle, o pesce; Vegetariani o Vegani: alghe, quinoa, riso scuro, orzo.

Ecco un esempio:

Colazione
1 limone spremuto con acqua, 1-2 uova, frullato di spinaci e mele

Pranzo e Cena
Cetriolo crudo, zuppa di cipolle, bietole, 1-2 porzioni di manzo oppure 1 piatto di orzo, olio a crudo

In generale, usare 2-4 cucchiai di olio d’oliva o di semi di lino al giorno.

Cosa bere

Acqua. In abbondanza. Superando il senso di sete e facendo in modo che “in uscita” il flusso sia abbondante, trasparente e frequente (> 10-12 volte; differente invece nell’idratazione giorno per giorno).

Meglio bere in “boli” di 350-400 ml per volta che non a piccoli sorsi, per dare modo all’organismo di espellere tossine e sostanze di cui disfarsi più facilmente. Utile, inoltre, bere acqua e limone come prima cosa al mattino (spremere ½ limone o 1 intero in 400-500 ml di acqua tiepida e bere in 2-3 minuti). 

Facoltativamente, si può aggiungere un infuso a base di cardo mariano e tarassaco prima di dormire (possibilmente in tarda serata - 22:30/23:00), in modo da supportare la "rigenerazione" epatica nella fascia in cui lavora di più.

Cosa non mangiare

Sarebbe bene evitare tutto quanto in questa lista:

  • Qualsiasi forma di zuccheri, miele, sciroppi, dolcificanti artificiali, frutta disidratata;
  • Carboidrati raffinati, incluso riso bianco e prodotti da farine raffinate, segale e affini;
  • Cereali da colazione, prodotti pronti, confezionati, conservati.
  • Alcool, farmaci (a meno che non siano per terapia cronica), caffeina.
  • Latte, latticini e prodotti caseari.

Seconda fase (metà del secondo giorno)

La seconda fase richiede un minimo di impegno (ma non così tanto), però ne vale la pena.

L’occorrente:

  • Mezza tazza di olio di oliva
  • 4 cucchiai di sali di Epsom (Magnesio Solfato)
  • 3 tazze di succo di pompelmo o limone
  • 1 pompelmo intero o limone

La preparazione:

  1. Miscelare il succo di pompelmo con i sali di Epsom; quanto ottenuto è valido per 4 “porzioni”. Bere una porzione.

  2. Qualche ora dopo (2-3 h) bere un’altra porzione di succo + Epsom.

  3. Ancora qualche ora dopo, unire ad una porzione di succo + Epsom, mezza tazza di olio d’oliva e bere. Questo dovrebbe essere fatto poco prima di andare a dormire.

  4. La mattina dopo, prendere l’ultima porzione di succo di pompelmo e sali di Epsom. Non mangiare nulla.

  5. Cercare di bere 1-2 litri d’acqua entro l’orario in cui si è soliti mangiare. A pranzo si può ripristinare la propria alimentazione.

Quanto fatto, specie la “bibita” con succo ed olio d’oliva, non dovrebbe dare diarrea, però è possibile avere feci non formate nella giornata successiva. Pensateci se dovete tornare al lavoro e non avete un bagno vicino.

Buona - preparatevi alla parolaccia - "Detossificazione". Noi, chiamiamola semplicemente trampolino di lancio per rientrare subito in carreggiata. 

Per sbloccare il tuo Potenziale...
Inizia GRATIS

Quanto hai appena appreso è solo una piccola parte. Ma non temere: esiste un metodo che ti insegna ad adattare le abitudini di Fitness e benessere alla tua vita (e non il contrario!)

Senza dieta da rincorrere, allenamento da organizzare, integratori da ricordare e strane posizioni yoga da emulare. Per vivere il Fitness, non subirlo.


Sei un PRO che lavora nel settore? Se, come noi, vuoi ispirare le persone a migliorare le loro abitudini ed essere il loro riferimento, unisciti a noi! Scopri come qui


Quella domanda che ti frulla in testa...

Leggere in autonomia è il miglior modo per applicare a sé quanto appreso, ma interagire è fondamentale quando quel dubbio o quella curiosità proprio non ti mollano.

Non esitare a porre qualsiasi domanda, riportarci qualsiasi dubbio o semplicemente una tua esperienza usando i commenti qui sotto: saremo felici di approfondire questo argomento con te e consigliarti al meglio.

Per lasciare un commento, Registrati Gratis › Registrati Gratis › oppure Effettua il Login › Effettua il Login ›

Lascia un commento

Per favore esegui il Login per lasciare un commento.