Un distillato di sapere, a un solo clic di distanza.

~1-2 volte al mese, distilleremo per te e ti invieremo preziosi consigli per il tuo progresso di Fitness.

Un distillato di sapere, a un solo clic di distanza.

~1-2 volte al mese, distilleremo per te e ti invieremo preziosi consigli per il tuo progresso di Fitness.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Infezioni da funghi, micosi e Candida: un aiuto per risolverle

Non solo dieta e alimenti per candida, funghi e micosi, ma un'azione globale
By Team Oukside | 31 Maggio 2019

Infezioni da funghi, micosi e Candida: un aiuto per risolverle

Si parla spesso di Dieta e Candida, Candida e Alimentazione, cosa mangiare e che alimenti sono utili per combattere la Candida e così via… Quasi a far credere che solo mangiando o non mangiando certi alimenti piuttosto che altri si possa sviluppare infezione da Candida. È davvero così?

Le infezioni da Candida rientrano nel più ampio argomento delle infezioni fungine. Le infezioni fungine si verificano ogni anno in più di due milioni di persone (e il tasso è in crescita). I funghi possono infettare la pelle, le unghie ed il tratto respiratorio, urogenitale, alimentare e sistemico. Più il Sistema Immunitario è compromesso, più è a rischio di infezione: persone anziane, bambini, malati cronici, pazienti affetti da HIV/AIDS o tutti coloro che usano farmaci immunosoppressori come nei casi di trapianto di organo, oppure antibiotici.

Già da questo passaggio si capisce qualcosa di fondamentale: certamente la dieta è un fattore che può contribuire allo sviluppo dell’infezione (di contro, se ottimizzata, può aiutare a contrastarla) ma non è che mangiando o non mangiando un certo alimento si combatta la Candida. C’è ben altro: in primis, la salute del Sistema Immunitario.

Ecco perché, che sia una dieta priva di zuccheri, a ridotto contenuto di glutine o con pochi carboidrati, la “dieta per la candida” dovrebbe avere a cuore - in prima istanza - il Sistema Immunitario, di riflesso ci sarà un miglioramento nel caso di infezioni da Candida.

Se il Sistema Immunitario è compromesso, si altera l’equilibrio della normale colonizzazione batterica, favorendo lo sviluppo di un ambiente adatto ai funghi. Questi ultimi sono seriamente pericolosi se entrano in contatto con il sistema circolatorio, mentre, se rimangono in superficie, alterano la cute con conseguenze lievi sulla qualità di vita (ma gravi sull’estetica).

In ogni caso, nessuno vuole che un’infezione da funghi e una micosi avanzi, che sia colpita solo la pelle con conseguenze “solo” estetiche (che poi solo estetiche non sono mai), oppure la condizione sia più pesante colpendo organi importanti con un maggior numeri di problemi. Vediamo dunque di porre le basi per combattere micosi, infezioni da funghi e Candida, responsabile del maggior numero dei casi.

Quindi, che si parli pure di “dieta per la Candida”, ma avendo sempre chiaro in mente che, anche se sembra che alcuni alimenti per contrastare la candida agiscano in maniera diretta, l’alimentazione in generale ha effetti importanti in maniera indiretta.

La Candida: perché interessartene?

Tra le molte specie di funghi patogeni, la Candida (in particolare Candida Albicans) è l’organismo più diffuso e responsabile dell’infezione nella maggior parte dei casi.

Si chiaro: non è che quando c’è infezione allora la Candida è presente e quando non c’è infezione allora la Candida è stata eradicata. Come molti altri batteri e microrganismi, la Candida può trovarsi in un buon 70% degli uomini in buona salute, mentre nelle donne “vive” nel tratto urogenitale.

Semplicemente, si “mostra” (tramite infezioni, che siano della cute o più profonde) quando vi è un’alterazione della normale colonizzazione batterica o il sistema immunitario dell’ospite è indebolito, o ancora se si seguono diete eccessivamente zuccherine.

Per quanto riguarda il tratto urogenitale, le infezioni affliggono perlopiù donne in età fertile. La candidosi può interessare anche il tratto urogenitale maschile; per cui, se uno dei due partner ne è infetto, è bene che entrambi seguano la terapia antibiotica.

Parlando di pelle, invece, bisogna stare attenti se mani o piedi permangono per molto tempo bagnati o umidi, avendo accortezza di asciugarli sempre anche tra le dita.

Ѐ bene, dunque, interessarsi all’argomento in modo da prevenire lo sviluppo della Candida evitando di dover ricorrere a farmaci orali o topici che, molto spesso, lasciano il tempo che trovano. Ecco dunque dei validi aiuti tramite modifiche allo stile dietetico e l’aggiunta di alcuni integratori.

Dieta per la candida e integratori utili

Alcuni esperti hanno sottolineato l’importanza di integrare la dieta con alimenti “anti-infiammatori” e i probiotici. Eliminare le bibite zuccherate, i dolci, i gelati e lo zucchero in generale è solo il primo passo.

Occorre poi consumare frutta e verdura sempre di stagione, alternare i metodi di cottura, evitare le fritture, favorire un buon introito proteico, così come garantire l’apporto di acidi grassi essenziali, riducendo invece il contenuto di zuccheri e di carboidrati complessi (starch free diet).

Niente di diverso, quindi, da qualsiasi piano nutrizionale o dietetico per stare in forma, migliorare la salute e ritrovare il benessere. Quello che - al massimo - può cambiare, riguarda l’aggiunta di integratori ad hoc in specifici periodi, per favorire il Sistema Immunitario nel combattere l’infezione o contrastare direttamente il microorganismo.

Probiotici

“Pensare all’intestino” è utile quando si parla di alimenti, alimentazione per contrastare la candida, in quanto l’intestino è una delle barriere che assicura che il microorganismo non si diffonda nell’organismo.

Le ultime evidenze suggeriscono come siano importanti i lattobacilli nei casi di candida nelle donne che vengono colpite da questa infezione almeno 3 volte l’anno. I probiotici sopprimono il replicarsi della specie e inibiscono la sua capacità di aderenza alle superfici cellulari.

I prodotti suggeriti sono latte, latte fermentato, yogurt, alcuni tipi di formaggio; se lo yogurt contiene lattobacilli contrasta la crescita e lo sviluppo della candida vulvovaginale con una riduzione del numero di episodi all’anno. Inoltre, una supplementazione di probiotici è consigliata anche per ridurre gli eventi di altre infezioni urogenitali: in particolare i lattobacilli della specie rhamnosus e reuteri sono efficaci per ripopolare la flora vaginale a favore di quella positiva.

I probiotici sono raccomandati soprattutto dopo aver usato antibiotici, i quali, oltre a distruggere il microrganismo patogeno, uccidono anche quello benefico, ponendo il soggetto in una situazione di rischio di contrarre altre infezioni.

Resveratrolo

Il resveratrolo è un composto presente nella buccia dell’uva con un ruolo antinfiammatorio. Già dal 2007, si è iniziato a studiare un suo possibile ruolo antifungino nei confronti della Candida Albicans: i risultati evidenziano potenti proprietà antimicotiche e maggior sicurezza anche rispetto ai farmaci tradizionali.

Goldenseal

Il goldenseal (Idraste Canadensis L.) è una pianta erbacea, originaria del Canada, utilizzata nei casi di infiammazione ed infezione. La sostanza benefica è la berberina, con proprietà antifungine, che nei casi di candida può essere somministrata in sinergia con il fluconazolo.

La berberina agisce inibendo l’adesione del fungo alle pareti cellulari dell’ospite e, così come per il resveratrolo, la berberina è in fase di studio per rientrare nella nuova classe di farmaci antimicotici.

Lattoferrina

La lattoferrina è una proteina tipica delle secrezioni mucosali (colostro e latte umano, saliva, sudore, lacrime, liquido seminale) con ottime proprietà antimicrobiche nei confronti di batteri, funghi, protozoi e virus.

Tale proteina è efficace contro un ampio spettro di specie di candida: albicans, krusei e tropicalis. Tuttavia, il meccanismo mediante cui agisca la lattoferrina nei casi di candida albicans ancora non è chiaro.

È probabile che la sua abilità nell’inibire la captazione di ferro sia utile per sopprimere la proliferazione delle altre specie. Sia la lattoferrina bovina che umana possono essere integrate nei protocolli terapeutici nei casi di candidosi orali. Inoltre, la lattoferrina può lavorare in sinergia con i farmaci antifungini e quindi potenziarne l’effetto.

Via libera, quindi, alle whey protein come fonte proteica in casi di infezioni da Candida.

Olio dell’albero da tè

L’olio dell’albero da tè un olio essenziale derivato dalle foglie della pianta australiana Melaleuca alternifolia (M. alternifolia). È ben noto per le sue proprietà terapeutiche e, fin dagli aborigeni, è entrato nella pratica quotidiana per curare raffreddori, tosse, infezioni cutanee, punture di insetto. È un ingrediente di molti prodotti cosmetici e per il corpo.

L’olio dell’albero da tè, nei casi di infezioni da candida, è in grado di inibire la proliferazione del microrganismo. Studi animali dimostrano come, grazie al terpinene-4-olo, le candide vulvovaginali resistenti agli antibiotici possono essere controllate. Inoltre, anche nei confronti delle candidosi orofaringee resistenti al fluconazolo, l’olio dell’albero da tè può contribuire alleviando l’infezione.

Studi di laboratorio hanno sottolineato che quest’olio essenziale ha capacità inibitorie nei confronti della proliferazione del ceppo: interferisce con le proprietà di membrana della candida e limita la sua adesione alle pareti cellulari della cellula ospite.

Si segnala una sua possibile tossicità se ingerito oralmente con sintomi come nausea, vomito, diarrea, allucinazioni. Perciò si preferisce l’uso topico del prodotto.

Altri oli essenziali

Nonostante l’olio dell’albero da tè sia il più importante nei casi di candida, anche altri olii hanno proprietà benefiche: carvacrolo, 1,8 cineolo, ossia l’eucaliptolo, il limonene, geraniolo, i germacri, il mentolo, il timolo e il linalolo.

Gli olii essenziali, in combinazione alla somministrazione dei normali farmaci antifungini, ne potenziano l’efficacia, sopprimendo la proliferazione della candida. Uno studio di laboratorio ha evidenziato come l’integrazione del piano terapeutico con l’olio essenziale da timo sia stata utile per ridurre le dosi del farmaco antifungino e quindi minimizzare gli effetti collaterali. Le ultime ricerche stanno approfondendo se il limonene possa essere un valido sostituto della terapia farmacologica. In aggiunta ai precedenti, gli esperti stanno indagando sull’olio estratto dall’origano, il quale parrebbe avere proprietà antifungine.

D’altro canto, molte erbe, spezie ed estratti simili o con effetti simili li ritrovate nelle soluzioni per contrastare lo stress cronico: dovrebbe essere chiaro quanto mantenere l’equilibrio del Sistema Immunitario si rifletta su una moltitudine di effetti benefici ad ampio spettro.

Aglio

Per secoli, la pianta dell’aglio, Allium Sativa, è stata utilizzata in cucina per insaporire i piatti, è ingrediente di molte ricette tradizionali, è una spezia, ma allo stesso tempo è anche un’erba medica. L’aglio ha proprietà antitumorali, è un antiossidante ed è utile nelle patologie cardiovascolari.

L’aglio, il cui costituente è l’allicina, inibisce la crescita del ceppo batterico e arresta le candidosi sistemiche; l’allicina riduce anche la resistenza della candida nei confronti degli antibiotici. Un trial clinico ha evidenziato come l’aglio, per via topica, migliora i sintomi della candida orale, proprio con la medesima efficacia farmacologica.

Infatti, un altro studio ha concluso come non ci siano differenze di efficacia tra la somministrazione farmacologica di una crema con clotrimazolo e di una pomata con aglio e timo nella vaginite da candida.

Terapie addizionali alternative

AHCC. L’AHCC è un estratto derivato dai funghi della famiglia Basidiomiceti. L’AHCC ha proprietà benefiche in molte patologie: ha un effetto protettivo nei confronti della candida, specialmente in caso sistema immunitario molto compromesso.

Acido caprilico. L’acido caprilico è un composto disponibile anche senza prescrizione medica ben noto per le sue proprietà antifungine e antimicrobiche.

Acido borico. L’acido borico è fin da sempre utilizzato per rinforzare l’aspetto muscolare, la sua coordinazione, la funzione cognitiva. nei casi di acne, infezioni oculari, cute secca e irritata, abrasioni e candida. In particolare, l’acido borico inibisce la proliferazione fungale ed è utilizzato a livello intravaginale. Può essere una seconda linea terapeutica.

Sintetizzando, si possono utilizzare gli integratori e supplementi presentati di seguito per 4-6 settimane (o fino a risoluzione della condizione) in caso di infezioni da Candida - oltre, ovviamente, a tenere sempre presente gli aspetti suddetti, come gestione dello stress e dieta “anti infiammatoria”.

Quest’ultimo è un altro termine alla moda per intendere una dieta basata prevalentemente su alimenti naturali, bassa in carboidrati e zuccheri, sommariamente per nulla differente da qualsiasi dieta occorra per stare bene, in forma e in salute (senza isterie, quindi, di cercare la “dieta perfetta per la candida” o gli “alimenti ideali per la candida”).

Tornando, come detto, a un protocollo di integrazione utile, ecco come può presentarsi:

  • trans-resveratrolo: 250 mg/die
  • goldenseal: 250-550 mg/die
  • apolattoferrina: 300 mg/die (o 1-2 misurini di whey protein/die)
  • estratto di aglio: 1-4 g die (o consumare 2-3 spicchi d’aglio/die)
  • acido caprilico: 60 mg die
  • olio di estratto di origano: 250-500 mg/die
  • AHCC: 1-3 g/die

Ultimo aggiornamento:
31 Maggio 2019


Ti è stato utile?
Facci sapere!

0.0/5 di voti (0 voti)

Che domande hai per noi? Falle qui...

Questo Blog non rappresenta uno strumento di marketing, come molti altri là fuori. Ma una piattaforma per fornire consigli mirati, condividere esperienze, scambiare idee.

Usa i commenti qui sotto per interagire con Esperti e Professionisti di Dieta, Movimento, Benessere e Coaching. Saremo felici di poterti aiutare.

--
Psssssh! Per ogni argomento forniamo aggiornamento continuo (e gratuito). Non perdertene nessuno, iscriviti a Blog Insight - È gratis ›Blog Insight - È gratis ›

Un distillato di sapere, a un solo clic di distanza.

~1-2 volte al mese, distilleremo per te e ti invieremo preziosi consigli per il tuo progresso di Fitness.

Un distillato di sapere, a un solo clic di distanza.

~1-2 volte al mese, distilleremo per te e ti invieremo preziosi consigli per il tuo progresso di Fitness.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Iscrivendoti, accetti Termini e Privacy. P.S.: odiamo lo spam quanto non poter mangiare pizza e gelato ogni sera. Sei al sicuro.

Lascia un commento

Stai commentando come ospite.

Liberati dall'incubo della dieta ipocalorica, la fissa del contacalorie e la moda dei fitness tracker.

Scopri il metodo semplice e concreto per trovare Fitness e benessere che desideri, godendoti il viaggio (non subendolo).


Liberati dall'incubo della dieta ipocalorica, la fissa del contacalorie e la moda dei fitness tracker.

Scopri il metodo semplice e concreto per trovare Fitness e benessere che desideri, godendoti il viaggio (non subendolo).