Accedi Registrati

Perché non hai bisogno di un software per elaborare quelle diete

Cerchi un software per la dieta? Per "diete personalizzate professionali" non ne hai bisogno
By Team Oukside | Venerdì, 08 Febbraio 2019

Perché non hai bisogno di un software per elaborare quelle diete

I software per Nutrizionisti (intendendo Biologi Nutrizionisti, Dietisti e Dietologi) si sono diffusi negli ultimi tempi come strumento per Professionisti del settore. Ma servono davvero? Niente affatto. E oggi capiremo perché, brevemente.

A parte software che aiutano a prendere gli appuntamenti, inviare reminder automatici ai Clienti e altre carinerie simili, i software per elaborare le diete sono soltanto uno spreco di soldi e, purtroppo, anche di tempo. Che si parli di Winfood, Metadieta, Progeo, EasyDiet, DS Medica, KeysOn, EvolutionFit (e altri…), o quello che si ritenga sia il “miglior software” per la dieta, non conta quello che fanno, ma proprio quello che sono: software per elaborare “diete personalizzate”.

I software fanno perdere l’aspetto educazionale, di “coaching” quindi, che ogni Professionista della Nutrizione (e non…) dovrebbe introdurre nel proprio percorso per svolgere un buon lavoro. Ormai quasi qualsiasi sito in cui si parla di dieta elargisce diete personalizzate sulla base di preferenze, dati e abitudini immessi. Spesso in maniera gratuita. Eppure, le persone non sono così brave a “mettersi a dieta”.

Ecco perché ciò che conta è altro, molto altro: supporto e sostegno che si riesce a dare ai propri Clienti. È questo il vero fulcro del concetto di “dieta personalizzata” (e, in generale, percorsi di Fitness personalizzati).

Oltre a ciò, consideriamo il discorso da un punto di vista differente, partendo da questa immagine:

Esempio di dieta senza software per dieta

Questo, è, ovviamente, un esempio. Ma, come potete osservare, è tutto ciò che un Cliente deve fare per mettere in pratica “la sua dieta personalizzata”. Basterà educarlo alla comprensione di quali siano gli alimenti ricchi di proteine, carboidrati o grassi, di cosa si intenda per “porzione” e voilà, il gioco è fatto.

(ad aiutarvi, ci sono gli articoli sulle categorie alimentari e le porzioni alimentari)

Non solo: mentre un software per la dieta avrebbe dato una sfilza di alimenti e richiesto, per ogni sostituzione, di prendersi la briga di capire che alimento modificare e come, con questo modello basta istruire una sola volta il Cliente per farlo diventare autonomo. Educarlo, nel vero senso del termine.

Avendo un impegno cognitivo molto basso (ricordarsi solo 3 o 4 categorie alimentari) significa portarsi dietro la propria “dieta personalizzata” in qualsiasi situazione, avendola in testa e sapendo di poter sostituire gli alimenti all’interno di una stessa categoria (e.g. carne con uova, riso con pane, noci con olio, e così via).

I software per Nutrizionisti - gratis o a pagamento che siano - invece, altro non fanno che aggiungere livelli di specificità e quindi complessità. Tra l’altro, inutilmente. A nulla serve indicare un pasto in questo modo:

Riso

Oppure

Pasta

Oppure

Pane

Oppure

Patate

Oppure

Grano saraceno

Oppure

Kamut

Oppure

...

Petto di pollo

Oppure

Fesa di tacchino

Oppure

Filetto di vitello

Oppure

Tagliata di manzo

Oppure

Merluzzo

Oppure

...

Olio d’oliva

Oppure

Noci

Oppure

Semi di lino

Oppure

...

dal momento che si può riassumere in questo modo:

Categoria dei carboidrati Categoria delle proteine Categoria dei grassi

La sfilza di alimenti è anche poco educativa: il Cliente segue solo una lista senza rendersi consapevolmente conto di quale alimenti ne sostituisce un altro. Avendo compreso le categorie alimentari, invece, il carico mentale della dieta si riduce notevolmente.

Riprendiamo l’immagine di cui sopra e facciamo delle considerazioni:

Esempio di dieta senza software per dieta

Presentare una dieta in questo modo significa far intendere già che si potrà seguire la dieta senza ossessioni, come uno stile di vita che entrerà facilmente nelle abitudini.

I software per la dieta, invece, per quanto “professionali” possano essere, altro non fanno che complicare e rendere la lettura pesante: se già il Cliente trova la lettura della dieta difficile, come ci si può immaginare che trovi semplice seguirla?

(pensate alle bollette: anche quando avete il sospetto che qualcosa non torni e stiate pagando di più, vi dite che il tempo per capire quanto scritto non vale l’eventuale risparmio di qualche euro e quindi non vi mettete neppure a leggere!).

Alcuni lettori che ci seguono da tanto, sanno che avevamo in mente un software “differente”. Ma ci abbiamo ripensato, proprio in virtù di quanto detto: se la dieta è solo una componente di tutto il Fitness, e se il modello più proficuo per dare alle persone l’idea (e non solo) di un piano semplice e fattibile è “one page” o quasi, può bastare un PDF…

Non sprechiamo tecnologia vendendovela poi a migliaia di euro, come fanno le case che producono software per l’elaborazione dietetica (e molte, pure male!), quando si può creare qualcosa di molto più snello, esattamente come quanto presentato (che poi: anche con i software alla fine inviate un “foglio”, elettronico o cartaceo).

Iniziate a lavorare con semplicità, e ne trarrà giovamento tutta la vostra Professione e, soprattutto, ne trarranno giovamento le persone che si rivolgono a voi: non per richiedere il foglio sputato fuori da un software per elaborare “diete personalizzate”, ma per beneficiare della vostra professionalità.


Ultimo aggiornamento:
09 Maggio 2019

Ti è stato utile?
Facci sapere!

3.3/5 di voti (19 voti)

Hai domande?
Ti aiutiamo a trovare le risposte.

Usa i commenti qui sotto: ti risponderemo e ti avviseremo via e-mail.

Commenti (2)

  • Marina Trombetti

    Marina Trombetti

    • 18.03.2020 | 14:19
    • #

    Condivido.Sono un medico Specialista in scienza dell’alimentazione, medicina estetica,ho un diploma americano per gli ormoni bioidentici. Lavoro a 369 gradi ed è ciò che la gente vuole.Ho lavorato una vita con i programmi tradizionali. Ma i tempi sono cambiati e quelli li lascio ai colleghi biologi, più tecnici.Pero mi serve un supporto informatico per qualificare la mia consulenza

    Rispondi

    • Vincenzo Tortora

      Vincenzo Tortora

      • 02.04.2020 | 09:15
      • #

      Ciao Marina,

      felice di leggere queste tue parole.

      Ho una domanda su:

      "per qualificare la mia consulenza"

      cosa intendi nello specifico? Potresti ampliare su questo?
      Un caro saluto,
      a presto.

      Rispondi

Lascia un commento

Per lasciare un commento, Accedi ›
Non hai un account? Registrati ora ›

Cosa fare ora?

Sfrutta il metodo più intuitivo per creare il percorso Fitness ad hoc per ogni tuo Cliente, sii l'ispirazione per Fitness e benessere.

Sfrutta il metodo più intuitivo per creare il percorso Fitness ad hoc per ogni tuo Cliente, sii l'ispirazione per Fitness e benessere.